Traduci sito in:

itzh-CNenfrdejaptrues

btn PON 2014 2020

btn por

btn pubblicita legale

btn amministrazione trasparente

btn registro online

btn pnsd

testata grande

Liceo scientifico di ordinamento a curvatura scienze e tecnologie fisiche e dei materiali

LICEO SCIENTIFICO 

A CURVATURA SCIENZE E TECNOLOGIE FISICHE E DEI MATERIALI

 

IMG 20191113 WA0048IMG 20191113 WA0049

Questa opzione è aperta a tutti gli allievi che vorranno scegliere questo indirizzo di studi a partire dal primo anno. Gli alunni dovranno seguire, oltre al percorso scelto all'atto dell'iscrizione in classe prima, anche il percorso di potenziamento di seguito esposto. 

L‘Unione Europea ha individuato la micro e la nano-elettronica, le nanotecnologie, la fotonica, i materiali avanzati, la biotecnologia industriale e le tecnologie di produzione avanzate come le tecnologie abilitanti fondamentali (KET- Key Enabling Technologies). Le KET sono tecnologie "ad alta intensità di conoscenza e associate ad elevata intensità di ricerca e sviluppo, a cicli d'innovazione rapidi, a consistenti spese di investimento e a posti di lavoro altamente qualificati. Rendono possibile l'innovazione nei processi, nei beni e nei servizi in tutti i settori economici e hanno quindi rilevanza sistemica. Sono multidisciplinari, interessano tecnologie di diversi settori e tendono a convergere e a integrarsi". Seguire la rapida evoluzione della ricerca e dei prodotti e servizi tecnologici è quindi la sfida odierna per la scuola. Il Liceo Scientifico “E. Fermi” intende raccogliere questa sfida, promuovendo collaborazioni tra l’istituzione scolastica e Università, enti di ricerca e mondo del lavoro e avviando delle sperimentazioni didattiche, a cui la presente proposta per un “Liceo Scientifico delle Tecnologie Fisiche e dei Materiali” (Liceo TFM) si ispira. Questa sperimentazione è partita nell’anno scolastico 2016/2017 in stretta collaborazione con il dipartimento di Fisica dell’Università della Calabria, una delle strutture di ricerca più prestigiose del sud Italia che ha nelle KET uno dei patrimoni di ricerca più importanti.

Il Liceo Scientifico delle Tecnologie fisiche e dei materiali nasce su proposta del dipartimento di Fisica dell’Università di Cosenza e la prima scuola a farne parte è stata il Liceo Scientifico Statale "E. Femi" di Cosenza. Nel corso degli anni si è diffuso in tutta Italia.

Tale percorso è trasversale nell'ambito delle diverse discipline, sensibilizza alla conoscenza e all’uso consapevole delle nuove tecnologie, favorisce l'approfondimento dei propri interessi e la scoperta di nuove attitudini per accompagnare ad una scelta futura più consapevole delle facoltà universitaria. La grande attenzione posta su questa iniziativa trova riscontro anche nell’articolo di NATURE NANOTECHNOLOGY | VOL 12 | NOVEMBER 2017 | www.nature.com/naturenanotechnology

GLI SBOCCHI

La proposta è quella di orientare la tradizionale offerta formativa del Liceo verso le nuove esigenze del mercato scientifico e tecnologico, integrandola con corsi aggiuntivi, collocati in un’apposita sezione scolastica. I contenuti di questi corsi saranno pensati per aiutare gli studenti a sviluppare versatilità mentale e competenze multidisciplinari: essi punteranno l’attenzione sull’importanza dello sviluppo tecnologico in chiave storica, socio-economica e filosofica, oltre che su approfondimenti specifici, ai quali dare una marcata impronta laboratoriale con un importante supporto del dipartimento di Fisica. Lo scopo ultimo è offrire agli studenti opportunità di conoscere temi, problemi e procedimenti caratteristici della ricerca scientifica e tecnologica, anche in relazione ai settori del lavoro, delle professioni e dell’imprenditorialità, al fine di individuare interessi e disposizioni specifiche e fare scelte consapevoli in relazione a un proprio progetto personale.

Le tecnologie fisiche e dei materiali studiano le proprietà e la produzione di nuovi materiali, resi possibili dalle nano-scienze e dalle nanotecnologie: è un'area di ricerca interdisciplinare tra fisica e chimica della materia, biologia e ingegneria. La preparazione omogenea, trasversale e innovativa di questa curvatura permette l’iscrizione a un qualsiasi corso universitario di ambito Umanistico, Scientifico e Tecnico, dalla ricerca pura a percorsi tecnici e applicativi. Molti i campi di applicazioni, dal restauro di opere d’arte, architettonico, librario, alla medicina e allo sport (i nuovi materiali come supporto protesico). La scienza di materiali si occupa di fonti di energia rinnovabili, costruzioni ecocompatibili, economia sostenibile, studi storici e sociologici sull’uso dei nuovi materiali e l’impatto sulla società.

SCIENZE DEI MATERIALI

Al termine del percorso liceale gli studenti conseguono il diploma di MATURITA’ SCIENTIFICA, CORSO DI ORDINAMENTO integrato con un modulo di certificazione delle competenze relativa all’attuazione della curvatura. 

Il percorso è un arricchimento di contenuti innovativi da integrare ai curricola ministeriali definiti e caratterizzanti il liceo scientifico. Le singole discipline intervengono nella curvatura in modalità di apprendimento Blended learning. I moduli sono sviluppati in presenza e organizzati e supervisionati in collaborazione con i docenti universitari dell’UNICAL. Il percorso del primo biennio confluisce in modo naturale nel secondo biennio e quinto anno, con un’interazione costruttiva e collaborativa con tutte le discipline curricolari caratterizzanti il liceo scientifico.

 

Ultime Circolari e Avvisi